Un ulivo per ricordare Maikol Giuseppe Russo

Un ulivo per ricordare Maikol e con lui tutte le vittime innocenti per mano criminale. Era quasi la sera del 31 dicembre 2015 quando Maikol Giuseppe Russo, appena 27 anni, fu raggiunto da un colpo di arma da fuoco in Via Calenda a Forcella, sparato da un commando criminale lì per un agguato, e che ne provocò la morte. A distanza di quattro anni il mondo delle associazioni impegnate nel recupero del territorio, con i parroci della zona e le istituzioni hanno pianto l’olivo, simbolo di pace, speranza e memoria.