Reddito di cittadinanza a rischio se cade il Governo?

Il Reddito di cittadinanza è sicuramente una delle misure più caratteristiche del Governo Conte 5 stelle. In molti si stanno chiedendo se cade il Governo cosa può succedere a questa misura che contribuisce a una parte di sostentamento per molti italiani.

Dalle modifiche alla possibile cancellazione

Nell’ultimo decreto legge relativo all’inizio della misura è indicata la data di aprile 2019 come ‘inizio del sussidio  ma non la data di termine. Quindi, semmai se si dovesse insediare un nuovo governo in teoria il reddito di cittadinanza non verrebbe sospeso e continuerebbe ad essere erogato nelle stesse modalità. Annullarlo non sarebbe facile Ma sono tanti però i gruppi politici che in questi mesi hanno chiesto di cancellarlo o di modificarlo prevedendo tagli agli importi e modifiche, in genere più restrittive, su chi ha diritto a ricevere il contributo.

Per ora pagamento a gennaio

Anche in questo mese sarà erogato il reddito di cittadinanza. L’attestazione Isee dovrà essere rinnovata dal 1° gennaio 2021, pena la decadenza dei requisiti. La data della ricarica è prevista anche a gennaio avverrà per i nuovi beneficiari invece sarà il 15. Dal febbraio 2021, il calcolo di redditi e pensioni di cittadinanza sarà riferito alle domande valide del mese di gennaio 2021 e bisognerà quindi disporre di un Isee aggiornato. Le dichiarazioni Isee presentate a partire dal 1° gennaio 2021 saranno valide fino al 31 dicembre 2021.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Lotteria degli scontrini a febbraio. Caschback attivo fino al 30 giugno del 2022. Come funziona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *