Conte tiene il Governo, 156 favorevoli. Aiuti da Forza Italia

NO PRIMARY
Attualità, Politica

Dopo aver incassato l’ approvazione per la continuità di Governo da parte del Parlamento il Senato stasera ha dato il via libera alla fiducia per Conte con 156 voti favorevoli, 140 contrari e 16 astenuti. La maggioranza assoluta era fissata a quota 161. Ma tiene banco il caso Ciampolillo- Nencini. I senatori si sarebbero presentati con qualche secondo di ritardo al voto e così la Casellati è ricorsa alle registrazioni video dell’aula per cercare di capire se i due fossero arrivati in tempo. Dopo alcuni minuti di visione arriva il verdetto simil-calcistico del “Var”. Dalle immagini risulta che Ciamopolillo e Nencini sono arrivati in tempo e la maggioranza per Conte sale a 156 favorevoli.

Aiuti a Conte da due senatori di Forza Italia. Ira di Tajani

Alle 21.19 è iniziata la votazione dei senatori “Se non ci sono i numeri il governo va a casa”, ha annunciato responsabilmente il Giuseppe Conte nel suo intervento prima del voto. Dall’Aula durante la votazione ci sono però le prime sorprese con i Senatori di Forza Italia, Maria Rosaria Rossi e Andrea Causin che danno la fiducia al premier. Dura la reazione del vicepresidente forzista Tajani: “Rossi e Causin vadano fuori dal partito!”

Duello Conte – Renzi

Matteo Renzi poco prima delle votazioni aveva parlato di “mercato indecoroso di poltrone” dichiarando: “serve un esecutivo più forte”. Parole a cui il il premier ha risposto: “Sono sempre stato disponibile al dialogo, ma Italia Viva ha scelto la via dell’arroganza… Se avremo la fiducia sarà rafforzata la squadra di governo”.

I voti e i commenti. Salvini attacca i senatori a vita

Durante le votazioni i renziani, come già avvenuto ieri alla Camera, hanno scelto la via dell’astensionismo al voto per esprimere il loro dissenso. I senatori del Misto, Pier Ferdinando Casini e Mario Monti, hanno dato fiducia, così come l’ex del Movimento 5S Gregorio De Falco. Si anche della Lonardo Mastella . Intanto Salvini fa discutere. “Non cercate volenterosi, ma complici per non perdere la poltrona”, è stato l’attacco del leader della Lega Matteo Salvini rivolgendosi a Conte prima delle votazioni. Il leghista ha anche citato una frase cruda nei confronti dei senatori a vita (in aula era presente Liliana Segre accolta da un lungo applauso al suo arrivo ) .”O non muoiono mai o muoiono troppo tardi” ha detto Salvini suscitando le proteste di maggioranza e opposizione. Salvini e Giorgia Meloni hanno poi annunciato di voler ricorrere al Colle dati i numeri sottili della maggioranza.

Potrebbe interessarti

https://www.sicomunicazione.it/2021/01/19/conte-tiene-il-governo-156-favorevoli-ce-il-caso-ciampolillo-la-casellati-ricorre-al-var-aiuti-da-forza-italia/

Scelti per te

In evidenza

Commenti

Gli articoli più letti

Banner compra uno spazio da noi