Fiducia di Camera e Senato a Draghi. Pochi i dissidenti

HomePolitica

Fiducia di Camera e Senato a Draghi. Pochi i dissidenti

Sicurezza sui bus: rinnovato accordo con le forze dell’ordine
Romano Prodi al ricordo di Lucio Sicca

Dopo il Senato Mario Draghi incassa la seconda fiducia. Numeri ampi per il governo dell’ex numero uno della Bce anche alla Camera: i sì sono stati 535, i contrari 56, gli astenuti 5. I voti favorevoli sono stati dunque 219 voti in più rispetto alla maggioranza assoluta.

POCHI DISSIDENTI

Il numero dei dissidenti M5s cresce rispetto a palazzo Madama, ma non è l’emorragia che i vertici pentastellati temevano. In tutto, tra voti contrari, astensioni e non partecipazione al voto, la ‘fronda’ non sfonda la trentina.

L’OMBRA DI DI BATTISTA

15 senatori dissidenti hanno votato no alla fiducia, a cui si aggiungono almeno altri 15 deputati (si dovrà decidere anche per la sorte degli assenti non giustificati). Il Movimento 5 stelle farà chiarezza sulla particolare scelta, ma dietro potrebbe esserci l’ombra di Alessando Di Battista pronto a tornare nella scena politica convogliando il gruppetto di dissidenti.

Commenti

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0