Aumento dei contagi in Campania, l’allarme di De Luca

NO PRIMARY
Salute

In una settimana la Campania conta 500 casi Covid in più e passa per il ministero della Salute da rischio basso a moderato con Rt a 0,86. “È un dato che deve iniziare a preoccuparci – dice in diretta Facebook il governatore Vincenzo De Luca – La tendenza è lenta, ma percepibile: solo grazie ai vaccinati non si ha una ricaduta sui ricoveri ospedalieri”. I livelli di terapie intensive restano lontani dai parametri allarmanti e sale di poco sopra la media nazionale la percentuale di occupazione di posti letto ordinari (5,4 per cento). Cresce invece di un punto percentuale il tasso di positività che passa dal 3,4 al 4,4. L’incidenza media dei contagi arriva in una settimana da 31 a 36,2. L’autunno porta in generale una maggiore circolazione del virus. Medici e ospedali della Campania non parlano però di inverno difficile: l’importante è tenere la situazione sotto controllo e non allentare la guardia. Da qui, l’invito alla terza dose come arma di difesa, visto che la copertura vaccinale cala una volta trascorsi sei mesi dalla seconda iniezione. Durante la diretta, De Luca dice che farà lui stesso il richiamo e parla del cronoprogramma di terze dosi in Campania per personale sanitario, poi quello scolastico e per i cittadini più anziani. Allerta, però, per le scuole dopo i focolai in un istituto comprensivo di Qualiano con 24 alluni e 6 docenti contagiati, chiuso dalla Regione, e in un plesso di Torre del Greco con 9 bambini positivi. De Luca invita perciò alla vaccinazione di genitori renitenti per evitare l’aumento dei contagi: “Abbiamo fatto un grande sforzo con la campagna vaccinale per riaprire le scuole in presenza, ma se. si continua così rischiamo di chiuderle di nuovo”.

Potrebbe interessarti

https://www.sicomunicazione.it/2021/10/23/aumento-dei-contagi-in-campania-lallarme-di-de-luca/

Scelti per te

In evidenza

Commenti

Gli articoli più letti

Banner compra uno spazio da noi