Lezioni in Dad, il Tar dichiara illegittime le ordinanze di De Luca

NO PRIMARY
Politica

Si parla anche di:

Illegittime le chiusure delle scuole ordinate da De Luca durante l'emergenza covid. Lo ha stabilito il Tar della Campania con una sentenza

Illegittime le chiusure scolastiche ordinate da De Luca durante l’emergenza covid. Lo ha stabilito il Tar della Campania con una sentenza definitiva emessa rispetto al ricorso presentato dal Codacons regionale. Il provvedimento impugna in modo particolare le ordinanze del 16 gennaio e del 27 febbraio del 2021. Veniva infatti disposta, per l’intero territorio regionale, “la sospensione delle attività didattiche in presenza dei servizi educativi per l’infanzia e dei servizi per l’infanzia (sistema integrato 0-6 anni) nonché delle scuole di ogni ordine e grado”.

Le motivazioni del Tar

Per il Tribunale regionale la scuola non andava chiusa. La didattica a distanza non doveva essere imposta in maniera generalizzata, ma bisognava uniformarsi ai provvedimenti nazionali.

ll Tar Campania, ha infatti ribadito che “la disposta sospensione delle attività didattiche in presenza per la Regione Campania, in via generalizzata, nei periodi considerati nelle ordinanze restrittive, non ha tenuto conto della regolamentazione per ‘fasce’ di rischio contenuta nella normativa statale, che aveva già operato, ex ante, il bilanciamento tra diritto alla salute e diritto all’istruzione, nel senso di sacrificare il secondo al primo nei casi di maggior rischio (regioni ‘rosse’) e, in via progressivamente più restrittiva, all’aumentare dell’età dei discenti (curando, ove possibile, il mantenimento della didattica in presenza per gli alunni più piccoli), e che avrebbe imposto, per la deroga, una motivazione stringente e rafforzata che avesse dato conto degli elementi diversi o sopravvenuti rispetto a quelli considerati dal Governo nazionale“, come avrebbero potuto essere gli “indici di aggravato rischio”, tali da giustificare il regime più restrittivo, con adeguata ponderazione delle situazioni di compressione dei diritti dei minori.

La battaglia del Codacons e dei genitori no-dad

Il ricorso è stato presentato dal Codacons su richiesta di un gruppo di genitori no-dad e del comitato “Scuole aperte”. Nelle ordinanze del Governatore sarebbero stati ravvisati “plurimi profili di violazione di legge ed eccesso di potere, principalmente incentrati sulla sollevata obnubilazione dell’apicale principio di proporzionalità che, pur a fronte di un pericolo per la salute individuale e collettiva, indotto dall’emergenza Covid, avrebbe tuttavia imposto una attenta disamina preventiva degli effetti delle misure restrittive adottate, incidenti su minori e pregiudizievoli per la loro formazione complessiva in assenza di evidenti vantaggi e, sotto altro profilo, sul mancato apprestamento e/o individuazione di misure diverse meno impattanti su diritti fondamentali”.

Potrebbe interessarti anche: De Luca: in Campania terza dose per tutti, senza prenotazione – SiComunicazione

Potrebbe interessarti

https://www.sicomunicazione.it/2021/11/18/lezioni-in-dad-il-tar-dichiara-illegittime-le-ordinanze-di-de-luca/

Scelti per te

In evidenza

Commenti

Gli articoli più letti

Banner compra uno spazio da noi