Vietato dire “Natale”, la nuova linea guida della comunica …

Meglio evitare la parola Natale in considerazione del fatto che “le persone abbiano differenti tradizioni religiose”: è parte della linea guida

Meglio evitare la parola Natale in considerazione del fatto che “le persone abbiano differenti tradizioni religiose”: è parte della linea guida per una “comunicazione inclusiva” indicate dalla Commissione Ue. A renderlo noto è Francesco Giubilei su Il Giornale, dopo essere venuto in possesso del documento interno #UnionOfEquality in cui vengono indicati i criteri da adottare per i dipendenti della Commissione Europea nella comunicazione.

Il documento ha un’introduzione del Commissario per l’uguaglianza, Helena Dalli, che scrive: “Dobbiamo sempre offrire una comunicazione inclusiva, garantendo così che tutti siano apprezzati e riconosciuti in tutto il nostro materiale indipendentemente dal sesso, razza o origine etnica, religione o credo, disabilità, età o orientamento sessuale”.

Ecco perché la Commissione Ue ha indicato una serie di regole per tentare di non discriminare nessuno. Vietato, dunque, utilizzare nomi di genere come “operai o poliziotti” o rivolgersi al pubblico durante una conferenza con l’espressione “Signori e signore”. Meglio, piuttosto, iniziare un discorso con “cari colleghi”.

Abolito il “Miss o Mrs”, mentre in caso di slide che accompagnino un discorso è preferibile “assicurarsi che le donne e le ragazze non siano rappresentate in ambito domestico o in ruoli passivi mentre gli uomini sono attivi e avventurosi”.

Secondo le regole della Commissione bisogna evitare di dire che “il fuoco è la più grande invenzione dell’uomo”, ma piuttosto che “il fuoco è la più grande invenzione dell’umanità”.

Un capitolo a parte è dedicato al Natale e al fatto che “non tutti celebrano le vacanze natalizie” evitando, dunque, di “considerare che chiunque sia cristiano”.

“Bisogna essere sensibili al fatto che le persone abbiano differenti tradizioni religiose” si legge ancora nel documento, motivo per cui anziché utilizzare la frase “il periodo natalizio può essere stressante” è preferibile dire che “il periodo delle vacanze può essere stressante”.

Preferibile anche utilizzare nomi non cristiani utilizzando la frase “Malika e Giulio sono una coppia internazionale” anziché “Maria e Giovanni sono una coppia internazionale”.

Anche il colonialismo finisce nella “black list” della Commissione: bisogna, dunque, evitare di parlare di “colonizzazione di Marte”, ma piuttosto utilizzare l’espressione “inviare umani su Marte”.

Potrebbe interessarti anche: In Campania quattro nuovi positivi alla variante Omicron – SiComunicazione

https://www.sicomunicazione.it/2021/11/29/vietato-dire-natale-la-nuova-linea-guida-della-comunicazione-ue/

In evidenza

Gli articoli più letti

Banner compra uno spazio da noi