SiComunicazione. News in tempo reale Video cronaca politica economia sport cultura lifestyle. Campania. Agenzia stampa

Comunità energetiche rinnovabili parte la sfida

Si parla anche di:

comunità energetiche rinnovabili

di Teresio Costa

Risparmio, riduzione delle emissioni di Co2, contrasto alla povertà energetica. Tutto mettendo a sistema le competenze. Sono questi gli obiettivi delle politiche di sviluppo delle comunità energetiche rinnovabili al centro di un progetto del Consiglio nazionale dei periti industriali e dei periti industriali laureati, realizzato con Ancitel Energia e Ambiente srl, presentato oggi a Napoli alla presenza tra gli altri del sindaco della città Gaetano Manfredi, degli operatori del settore (Federesco e Gse), dei professionisti e degli esperti a livello nazionale in tema di energia. L’evento rappresenta il primo di una serie di appuntamenti sul territorio nazionale che toccheranno le città di Venezia, Milano, Firenze, Palermo, Bari per approfondire e diffondere il nuovo modello di sviluppo dato dalle comunità energetiche e le relative opportunità ambientali, sociali ed economiche. Del resto i numeri delle attuali comunità energetiche parlano da soli, sono appena 30 le realtà censite da Legambiente e si configurano per lo più come situazioni sperimentali. È stata fino ad ora proprio la complessità del sistema a rallentarne il processo.

‘Nel nuovo anno partiremo con un grande progetto sulla transizione ecologica della citta’ di Napoli che rappresentera’ anche un modo di approcciare in maniera integrata a questo tema che costituisce una grande sfida soprattutto in un territorio come il nostro la cui area metropolitana conta 3 milioni di abitanti”, ha detto il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, sottolineando che e’ necessario ”non solo mettere al centro del dibattito la produzione di energia utilizzando le rinnovabili ma anche creare la partecipazione sociale a questo processo per fare in modo che la transizione diventi anche strumento per creare nove opportunità’ di comunità”. Il sindaco ha posto l’accento sull’importanza di coniugare ”transizione ecologica ed equità’: e’ questa la grande sfida che abbiamo davanti perché’ il tema della sostenibilità’ non deve essere un’opportunità’ per aumentare i divari ma per ridurli. Oggi viviamo l’aumento del costo delle fonti energetiche e di conseguenza i cittadini vivono la transizione ambientale immaginando che l’unica ricaduta sia l’incremento della bolletta, invece dobbiamo dimostrare che la transizione e’ momento di miglioramento delle condizioni di vita soprattutto per le fasce piu’ deboli altrimenti corriamo il rischio di un conflitto sociale”.

“Le comunità energetiche – ha dichiarato Estella Pancaldi, responsabile funzione promozione e assistenza alla Pa del Gse – puntano ad avvicinare la produzione al consumo, ma dietro questa operazione c’è un iter sociale-tecnico-giuridico che talvolta non ne facilita la realizzazione dei progetti. Per non parlare dei costi. È quindi fondamentale fare sistema”. Una necessità sottolineata con forza anche da Luigi Stefano Sorvino, direttore Arpa Campania che ha parlato dell’esigenza di mettere in rete le competenze, dalle amministrazioni regionali, alla comunità scientifica fino alle professioni tecniche. ”Lo strumento delle comunità energetiche – ha aggiunto il presidente della X Commissione Senato Gianni Pietro Girotto – ha delle potenzialità immense, e necessita, ora che la norma si sta perfezionando, di un processo di accompagnamento verso tutti i soggetti che ne possono essere coinvolti, dai privati, agli enti pubblici, fino ai professionisti stessi”. ”La nostra società – ha aggiunto Giuseppe Rinaldi consigliere delegato di Ancitel Energia e Ambiente – è da sempre impegnata in prima linea su queste tematiche, grazie alle sinergie tra diversi stakeholder e alle competenze del gruppo di lavoro messo in campo, per portare ai territori soluzioni che permettano di sfruttare al meglio le possibilità offerte dalle nuove norme di legge e i relativi finanziamenti”.

“La transizione ecologica – ha sottolineato Claudio Ferrari, presidente di Federesco – senza i player non si realizza, quindi le esco miste, i professionisti tecnici che devono essere formati adeguatamente sulle nuove tematiche dell’efficienza energetica. In particolare è necessario sviluppare il partenariato pubblico privato per portare avanti modelli come questo”.

https://www.sicomunicazione.it/2021/12/10/campania/cultura/comunita-energetiche-rinnovabili-parte-la-sfida/

In evidenza

CRONACA

POLITICA