Il Lago dei Cigni, gli auguri di buon anno del San Carlo di Napoli

È con “Il Lago dei Cigni” di Tchaikovskij che il teatro San Carlo saluta il 2021 e accompagna i napoletani verso l’anno nuovo. In programma presso lo storico teatro partenopeo dal 28 dicembre fino al 5 gennaio, “Il Lago dei Cigni” arriva per la prima volta nella versione di Patrice Bart, étoile della Scuola di danza dell’Opéra di Parigi classe 1945, che riunisce in due atti il balletto originale composto da Tchaikovskij. Le scene e i costumi utilizzati durante le esibizioni portano la firma di Luisa Spinelli, mentre l’orchestra del San Carlo è diretta per l’occasione dal maestro Benjamin Schwartz. Le due ore e quarantacinque di rappresentazione consentono a Napoli di avventurarsi nel 2022 con lo giusto slancio e passionalità, nonostante la gravità del momento storico ancora in corso. I teatri, secondo le disposizioni vigenti, possono ospitare eventi anche in questo periodo e la realizzazione del leggendario “Lago dei Cigni” promette agli spettatori una ricca dose di emozioni, garantite già in apertura di stagione con la messa in scena dell’“Otello” di Verdi. La stagione 2021-2022 del San Carlo non delude le aspettative e, anzi, riesce ad attirare l’attenzione anche dei meno avvezzi, appaiando a titoli classici come “Così fan tutte” di Mozart, alla “Tosca” di Puccini e al “Romeo e Giulietta” di Prokofiev, momenti di alta innovazione, come le sette morti di Maria Callas, ideato e messo in scena dalla performer Marina Abramovic, per la prima volta al San Carlo, e con la partecipazione, seppure solo su schermo, dell’attore americano William Dafoe.

Potrebbe interessarti anche: Al Campania Teatro Festival in scena le Danze Pandemiche – SiComunicazione

https://www.sicomunicazione.it/2021/12/30/il-lago-dei-cigni-gli-auguri-di-buon-anno-del-san-carlo-di-napoli/

In evidenza

Gli articoli più letti

Banner compra uno spazio da noi