Napoli, Forcella ricorda Maikol

Ci sarebbe una stesa compiuta dai clan all’origine dell’assurda uccisione di Maikol Giuseppe Russo, vittima innocente per mano criminale

Ci sarebbe una stesa compiuta dai clan all’origine dell’assurda uccisione di Maikol Giuseppe Russo, vittima innocente per mano criminale la cui vita fu stroncata in bar di forcella nel pomeriggio del 31 dicembre 2015. A distanza di sei anni le testimonianze rese dai collaboratori di giustizia starebbero avvalorando questa ipotesi. Per non dimenticare e per ricordare che dal sangue innocenti nasce nuova linfa per il riscatto della società, un albero di ulivo è stato piantato in piazza Calenda, nei pressi del Teatro Trianon, a pochi passi dal luogo in cui Maikol trovò la morte. Presenti i familiari del giovane di appena ventisette anni, la Fondazione Pol,i.s. per le vittime innocenti, Marisa Laurito in rappresentanza del Teatro e numerosi esponenti della società civile e cittadini.

Potrebbe interessarti anche: Adolescenti morti in uno schianto, tra i soccorritori del 118 il fratello della vittima – SiComunicazione

https://www.sicomunicazione.it/2022/01/03/napoli-forcella-ricorda-maikol/

In evidenza

Gli articoli più letti

Banner compra uno spazio da noi