SiComunicazione. News in tempo reale Video cronaca politica economia sport cultura lifestyle. Campania. Agenzia stampa

Scatta il toto-nomi per la formazione del nuovo Governo

toto nomi ministri presidenza camera senato governo centrodestra

Dovrà passare quasi un mese prima che Giorgia Meloni possa presentare la lista dei ministri del suo governo e discuterne con il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Eppure, nel centrodestra già si discute del nuovo esecutivo che verrà costruito in base alla qualità e non al peso dei singoli partiti.

Verso le elezioni dei presidenti di Camera e Senato

Fratelli d’Italia non farà prevalere il suo 26%, contro l’8,9% di Matteo Salvini e l’8,3% di Silvio Berlusconi, usciti ridimensionati dal voto. Per aspettare il consulto con il Quirinale, quindi, bisognerà attendere fino al 20-23 ottobre. Prima il Parlamento, che si riunirà il 13, dovrà eleggere i presidenti di Camera e Senato. Soltanto dopo il capo dello Stato potrà avviare le sue consultazioni e dare l’incarico a Meloni.

Per quanto riguarda le presidenze di Camera e Senato, per palazzo Madama è in calo l’ipotesi Berlusconi, quindi prende quota la candidatura di Ignazio La Russa. In questo schema la Camera andrebbe a un leghista. Nell’entourage di Meloni si fa il nome di Giancarlo Giorgetti. Se andasse in porto l’accoppiata La Russa-Giorgetti, andrebbe ricercata una compensazione per Forza Italia.

Esteri, Difesa, Economia e Interni i nodi cruciali

Qui si entra nel delicato terreno dei dicasteri che, per consuetudine vengono concordati con Mattarella: Esteri, Difesa, Economia e Interni. Per gli Esteri si fa il nome del coordinatore di FI, Antonio Tajani. L’alternativa: Elisabetta Belloni, capo del Dis ed ex segretaria generale della Farnesina, o l’ambasciatore Stefano Pontecorvo.

Per la Difesa, che dovrebbe andare a FdI, sono in corsa Adolfo Urso (presidente del Copasir) ed Edmondo Cirielli. Per l’Economia, Meloni punta da tempo su Fabio Panetta attualmente nel board della Banca centrale europea e promesso governatore di Bankitalia.

Complessa anche la partita degli Interni. Salvini vorrebbe tornarci, ma Meloni non vuole tensioni con la Ue sul fronte-migranti e il leader leghista, così si va verso una soluzione di mediazione: la nomina al Viminale dell’ex capo di gabinetto di Salvini e attuale prefetto di Roma, Matteo Piantedosi. L’alternativa è un altro prefetto capitolino: Giuseppe Pecoraro di Fratelli d’Italia.

Potrebbe anche interessarti: Il centrodestra supera gli altri partiti e trionfa con oltre il 44% dei voti

Segui SiComunicazione su Google News

https://www.sicomunicazione.it/2022/09/27/italia/politica/governo/nomi-dei-ministri-governo-giorgia-meloni-coalizione-centrodestra/

In evidenza

CRONACA

POLITICA