SiComunicazione. News in tempo reale Video cronaca politica economia sport cultura lifestyle. Campania. Agenzia stampa

Manifestazione per la pace: la piazza gremita

Presenti migliaia di giovani stamattina a Piazza del Plebiscito venuti da ogni parte della Campania per lanciare un messaggio di pace chiedendo il “cessate il fuoco”. Alla manifestazione per la pace, tra cartelloni e bandiere colorate si sono susseguiti sul palco gli interventi degli ospiti.

La manifestazione per la pace

Si è tenuta oggi a Piazza del Plebiscito la grande manifestazione per la pace, voluta dal governatore Vincenzo De Luca. Gli ospiti, che si sono alternati sul palco, hanno lanciato messaggi di pace e chiesto “cessate il fuoco”. La piazza, gremita di giovani, ha ospitato studenti di diverse scuole dai più piccoli delle elementari fino agli studenti di licei e istituti superiori, non solo da Napoli, ma da tutta la Campania. Studenti di età e provenienza diverse, tutti insieme per lanciare messaggi di pace sventolando bandiere colorate e mostrando bellissimi cartelli realizzati da loro sui quali un messaggio si leggeva chiaro: “give peace a chance”.

Gli interventi

E se, come si dice, la musica unisce le persone, oggi è stato più vero che mai con l’intervento sul palco di Andrea Sannino. Uno dei momenti più emozionanti è stato sentire tutta la piazza intonare insieme: “Abbracciame”, canzone che, come poco prima aveva ricordato un ragazzo del servizio civile in un suo intervento, ha significato per tutti noi un messaggio di unione durante il lockdown, quando non potevamo essere fisicamente vicini.

Bello sentire anche messaggi, non solo sul tema della pace, che trova inevitabilmente tutti d’accordo, ma anche di vicinanza all’Ucraina, la cui bandiera era sventolata da diversi studenti. Sul palco, con l’Unicef sono intervenuti anche i bambini che con la semplicità delle loro parole hanno condannato una guerra che nemmeno riescono a concepire: “non so perché sia scoppiata questa guerra” dice una bambina dal palco con un’ingenuità disarmante.

Intervengono anche le operaie della Whirpool, in particolare Carmen Nappo ha definito angosciante il fatto che i bambini stiano imparando la geografia dell’Ucraina e i nomi delle sue città tramite il racconto delle atrocità che avvengono in quei luoghi. Arrivano dal palco anche messaggi di solidarietà agli Ucraini scappati e rifugiatisi in Italia, ma non solo, anche un messaggio di solidarietà a tutti coloro che scappano dalla guerra da ogni paese del mondo.

La manifestazione si chiude con l’intervento del vescovo Di Donna che chiede più piazze di pace come quella di oggi a Napoli perché non si può rimanere a guardare mentre le persone muoiono ogni giorno. Il vescovo fa appello alla politica affinché si lavori seriamente per ottenere degli accodi di pace e al presidente dell’Ucraina, perché accolga seriamente ogni possibilità di ottenere un accordo.

Potrebbe anche interessarti: Manifestazione per la pace: tra le polemiche e il piano per il traffico

Segui SiComunicazione su Google News

https://www.sicomunicazione.it/2022/10/28/napoli/cronaca/attualita/manifestazione-per-la-pace-la-piazza-gremita-di-giovani-studenti/

In evidenza

CRONACA

POLITICA