SiComunicazione. News in tempo reale Video cronaca politica economia sport cultura lifestyle. Campania. Agenzia stampa

Omicidio-suicidio a San Mango Piemonte, nel salernitano

prima ha ucciso la moglie e poi si è tolto la vita, dramma nel salernitano

La tragedia, nel salernitano, più precisamente entro i confini del comune di San Mango Piemonte. Protagonista della triste vicenda, un uomo che, dopo aver tolto la vita a sua moglie, ha compiuto l’estremo gesto lanciandosi da un ponte.

I fatti nel salernitano

Una vera e propria tragedia si è abbattuta questa mattina sul comune di San Mango Piemonte, in provincia di Salerno, dove un uomo ha prima accoltellato a morte sua moglie, all’interno della loro abitazione in Parco Fiorito, e poi si è impiccato lanciandosi da un cavalcavia. Il corpo della donna è stato ritrovato all’interno della casa dove i due vivevano, aggrappato per un filo alla vita. La corsa in ospedale per lei è stata vana, perché, poco dopo il ricovero, si è spenta.

Niente da fare per suo marito, il cui corpo senza vita è stato messo in sicurezza dagli uomini della Polizia dal cavalcavia dell’autostrada di San Mango nel tratto che conduce all’uscita di Pontecagnano-Faiano, luogo dove ha compiuto l’estremo gesto.

Il commento della responsabile regionale del Centro Ascolto del Disagio

Già questa mattina, Sonia Senatore, Responsabile Regionale del Centro Ascolto del Disagio, si era espressa in merito ai fatti di San Mango Piemonte con parole durissime. “Urge una pianificazione e una rivisitazione delle Politiche della famiglia sul territorio dell’Area Pontecagnano/Picentini!”, aveva scritto Senatore sui social dopo aver reso pubblica la tragedia.

Poi, nel primissimo pomeriggio, un commento più approfondito. “Con la notizia tragica di questa mattina, credo che debba davvero finire il tempo della “politica” nel sociale e puntare a quel senso di responsabilità e umanità e solidale vicinanza alle donne che il contrasto alla violenza di genere richiederebbe”, ha aggiunto la Responsabile su Facebook.

Ennesimo fallimento per tutta la comunità per le politiche della famiglia

“Con onestà intellettuale tutte coloro che si occupano di questo temi e conoscevano sicuramente la coppia oggi “protagonista” di una pagina davvero nera per questo territorio dovrebbero condividere con me che la violenza in famiglia non vede “riferimento autorevole” nelle istituzioni, nei mezzi inadeguati, nei servizi insufficienti e nell’impegno di fondi verso pubblicità autoreferenziale e non aiuto sostanziale”, ha continuato.

“Paola, come tante donne in questo momento, ha subito per anni in silenzio o a fasi alterne nel tentativo di svincolarsi da un compagno troppo possessivo o irascibile. Lo fanno per i figli, lo fanno per il “quieto vivere” della famiglia, ma lo fanno soprattutto perché reale aiuto e soluzione non c’è”. Senza mezzi termini, per lei, questo è l’ennesimo “fallimento per tutta la comunità del settore politiche della famiglia“.

Potrebbe interessarti anche: Ischia, maltrattamenti in un istituto religioso: in manette 4 suore

Segui SiComunicazione su Google News

https://www.sicomunicazione.it/2022/11/16/salerno/cronaca/omicidio-suicidio-a-san-mango-piemonte-nel-salernitano/

In evidenza

CRONACA

POLITICA