SiComunicazione. News in tempo reale Video cronaca politica economia sport cultura lifestyle. Campania. Agenzia stampa

34enne trovato senza vita in spiaggia: ecco le ipotesi dei carabinieri

senza vita in spiaggia a marina di seiano, le ipotesi

Il corpo senza vita di un uomo è stato ritrovato ieri sera dai Carabinieri riverso su una spiaggia di Marina di Seiano. La vittima è stata subito identificata come un 34enne del posto, ma la dinamica dei fatti non è ancora stata chiarita. Ecco quali sono le primissime ipotesi degli inquirenti in merito.

Tragedia a Marina di Seiano

Una vera tragedia si è abbattuta ieri sera a Vico Equense e, più nelo specifico, in località Marina di Seiano, dove, su una spiaggia del posto, è stato rinvenuto il cadavere di un uomo. Il 34enne, identificato dalle forze dell’ordine, è risultato essere Ugo Manganaro, a quanto si apprende un disoccupato del posto che saltuariamente si occupava di svolgere lavoretti sulle barche. Gli agenti della stazione di Vico Equense, giunti sul posto, stanno indagando sul ritrovamento del cadavere di Manganaro dietro coordinamento della procura di Torre Annunziata, sotto la guida del sostituto procuratore Anna Chiara Fasano.

La primissima ipotesi al vaglio degli inquirenti, al momento, sembrerebbe vedere Manganaro come vittima del maltempo che ieri si è abbattuto sul territorio campano. A stroncare il 34enne, secondo la primissima ricostruzione dei militari, sarebbe infatti stato un fulmine. Al vaglio degli inquirenti, però, ci sarebbe anche un’altra possibilità: la scarica elettrica, infatti, potrebbe essere partita – sempre a causa del maltempo – anche da una cabina che si trova nelle vicinanze del punto dov’è stato rinvenuto il corpo senza vita in spiaggia.

Il dolore di chi conosceva Ugo

Mio figlio è morto“, ha commentato disperata la madre della vittima, Mariangela, che per tutto il giorno avrebbe tenuto d’occhio il mare che suo figlio era solito frequentare, preoccupata dalla forte pioggia e dalle scariche di fulmini. A dire addio a Ugo, anche altri amici e conoscenti, che affidano ai social poche righe di dolore: “Che tragedia! Riposa in pace, Ugo”, “Ditemi che non è vero, vi prego…”.

A testimoniare la pericolosità delle condizioni atmosferiche a ridosso del mare, in quelle ore fatali, ci pensano le riprese di un altro cittadino stabiese, che ha ricondiviso la notizia della scomparsa di Manganaro sottolineando i rischi corsi da chi lavora per mare.

Potrebbe anche interessarti: Prorogata fino alle 12 di oggi l’allerta meteo in Campania

Segui SiComunicazione su Google News

https://www.sicomunicazione.it/2022/11/23/napoli/cronaca/34enne-trovato-senza-vita-in-spiaggia-ecco-le-ipotesi-dei-carabinieri/

In evidenza

CRONACA

POLITICA