SiComunicazione. News in tempo reale Video cronaca politica economia sport cultura lifestyle. Campania. Agenzia stampa

Maltempo in Campania, quarto giorno di fila di allerta meteo

vento e pioggia fanno danni in campania

Cielo cupo, vento freddo e temperature in calo sono la principale caratteristica degli ultimi giorni. Ecco il punto della situazione al quarto giorno di fila di allerta meteo.

Allerta meteo e disagi nel beneventano

L’arrivo dell’inverno ha sorpreso buona parte del paese e, in Campania, il maltempo sta facendo non pochi danni. Se da un lato la cima del Vesuvio innevata offre ai partenopei una vista da cartolina, dall’altro il crollo del cimitero a Sant’Agata de’ Goti, l’esondazione del Volturno e le forti mareggiate tengono la cittadinanza saldamente ancorata alla realtà.

Nel comune del beneventano, sono decine le salme sul fondo del vallone adiacente al cimitero comunale: salme esposte alle intemperie, alcune finite nel torrente Martorano, in attesa che si possa procedere al loro recupero. A franare nel vallone sottostante, probabilmente a causa delle piogge di questi giorni, una parte del “lotto Longo”, sezione della parte antica del camposanto. Nel dirupo, una trentina di bare più gli ossari, i resti mortali di un centinaio di salme. Una tragedia improvvisa che, per troppi versi, puzza di disastro annunciato.

Il lotto, infatti, era stato interdetto alle visite dalla primavera scorsa proprio in virtù del rischio di crollo ben noto a tutti. Le condizioni atmosferiche critiche, ieri, hanno fatto il resto. C’era anche un progetto approvato nel 2016 dall’allora amministrazione comunale per la messa in sicurezza e la delocalizzazione dei loculi, ma l’attuale amministrazione, negli anni scorsi, aveva scelto di agire diversamente. Subito dopo il crollo, il sindaco Riccio ha firmato l’ordinanza di chiusura del cimitero e, con una dichiarazione ufficiale, ha chiesto scusa all’intera comunità: “È l’unica cosa da fare in questo momento: faremo tutto quello che possiamo per riportare in sicurezza bare e urne”.

Pioggia e vento forti provocano cadute di intonaco e calcinacci

Attenzionati a causa del maltempo anche i corsi d’acqua campani, a rischio esondazione; su tutti, il Sarno e il Volturno, sorvegliati speciali. Pioggia e vento hanno anche causato in alcuni comuni la caduta di alberi e, in certi casi, il distacco di intonaco e calcinacci. Diversi, specialmente nella notte, gli interventi delle squadre dei vigili del fuoco impegnate nella gestione di questi fenomeni: a Napoli, a essere colpite maggiormente sono state le strutture del centro storico e a ridosso di Corso Garibaldi. Per fortuna, stando a quanto si apprende, nessuno di questi micro-crolli avrebbe avuto gravi conseguenze per le persone.

Potrebbe anche interessarti: Allerta meteo prorogata nuovamente: sfollati ancora fuori casa

Segui SiComunicazione su Google News

https://www.sicomunicazione.it/2023/01/20/campania/cronaca/allerta-meteo-campania-pioggia-vento-napoli/

In evidenza

POLITICA