SiComunicazione. News in tempo reale Video cronaca politica economia sport cultura lifestyle. Campania. Agenzia stampa

Cerca
Close this search box.

Un weekend dedicato al bridge in memoria di Pietro Forquet

circolo canottieri, il bridge in memoria di forquet

Andrà in scena nei prossimi giorni al Circolo Canottieri di Napoli il weekend dedicato al bridge organizzato per il memorial di Pietro Forquet, scomparso quest’anno all’età di 97 anni. Nei saloni del Molosiglio, 80 coppie di bridgisti si sfideranno nel torneo.

Al Circolo Canottieri il weekend dedicato al bridge

Sabato 27 e domenica 28 maggio, al Circolo Canottieri di Napoli, è in programma il memorial Pietro Forquet di Brigde. Il torneo nazionale, sotto l’egida dalla FIGB – Federazione Italiana Giocatori Bridge, vedrà approdare al Molosiglio “bridgisti” provenienti da ogni parte d’Italia. Il torneo, organizzato dal consigliere al Bridge del Circolo Canottieri, Raffaele Ricciardi, è diviso in due momenti. Sabato è la giornata dedicata alla competizione a squadre mentre domenica si prosegue con la competizione a coppie.

Pietro Forquet è stato uno dei più famosi protagonisti del bridge, componente di quel Blue Team che, con 15 titoli mondiali vinti, ha dominato per lungo tempo la scena mondiale della disciplina. Forquet giocò con Eugenio Chiaradia, Guglielmo Siniscalco e, per la maggior parte, con Benito Garozzo, con cui, per tutti gli anni ’60, formò una delle coppie più forti di tutta la storia del bridge. Oltre che per il gioco eccellente, Forquet era famoso per i suoi nervi d’acciaio.

Il gioco a cui il Circolo dedica un weekend

Il “Bridge” è un gioco di carte universalmente conosciuto e denominato ovunque allo stesso modo, si gioca in quattro, a coppie contrapposte e, a differenza degli altri giochi, nel bridge le carte rappresentano solamente lo strumento necessario per sviluppare le manovre. Il Bridge conta nel mondo oltre un milione e mezzo di agonisti, oltre a decine di milioni di appassionati, e può essere praticato da chiunque, a qualunque età e in qualsiasi luogo. I costi sono praticamente nulli e il gioco in sé favorisce l’aggregazione e la socializzazione, costituisce elemento formativo per i giovani, abituandoli all’osservanza e al rispetto delle regole, all’analisi, alla sintesi, alla deduzione, alla logica e alla razionalità e costituisce altresì elemento sussidiario per gli anziani per i quali diviene una insostituibile palestra di esercitazione mentale.

Potrebbe interessarti anche: Ciclista investito nell’hinterland, la prognosi è riservata

Oppure: Incidente mortale in periferia: ciclista investito muore sul colpo

Segui SiComunicazione su Google News

https://www.sicomunicazione.it/2023/05/25/napoli/cultura/intrattenimento/bridge-weekend-al-circolo-canottieri-pietro-forquet/

In evidenza

CRONACA

POLITICA